Decadenza

Avv. Vincenzo Ielo 25 Gennaio 2016

A pochi mesi dall’entrata in vigore del D.Lgs. 128/2015, la Legge di Stabilità 2016 ha abrogato il meccanismo del raddoppio dei termini d’accertamento in presenza di notizie di reato ritenendo, evidentemente, che la sua recente modifica non sia in grado di rispondere alle esigenze di maggiore certezza del diritto nel rapporto tra Erario e contribuente. […]

Continua la lettura di... La Legge di Stabilità 2016 cancella il raddoppio dei termini

A quattro anni di distanza dall’intervento della Corte Costituzionale che con l’ordinanza n. 247/2011 ha confermato la legittimità, in presenza di reato, del raddoppio del termine di decadenza per l’esercizio dell’azione accertativa, sancendo l’obbligo per i giudici di merito di valutare la ricorrenza dei presupposti per l’emanazione della notizia di reato (e ciò onde evitare […]

Continua la lettura di... Il raddoppio dei termini di accertamento non si applica per l’Irap

Con una richiesta di consulenza giuridica l’Agenzia delle Entrate chiarisce, con la Risoluzione n. 37/E del 9 aprile 2014, la corretta applicazione della normativa concernete l’eventuale irrogazione di sanzioni per la mancata utilizzazione edificatoria di terreni soggetti a piani particolareggiati nei cinque anni successivi all’acquisto. La norma di riferimento è l’art. 1, comma 25 della […]

Continua la lettura di... Alla decadenza dal regime fiscale agevolato dei piani urbanistici particolareggiati non si applicano sanzioni

Con la sentenza n. 23162 dell’11 ottobre 2013 la Seconda Sezione della Corte di Cassazione ha stabilito che la consegna dell’immobile oggetto del contratto, effettuata prima della stipula del definitivo, non determina la decorrenza del termine di decadenza per opporre i vizi noti, né comunque quello di prescrizione, perché l’onere della tempestiva  denuncia presuppone che […]

Continua la lettura di... Non decorre il termine per denunziare i vizi della cosa se il diritto di proprietà non è ancora trasferito.