Con la sentenza n.2481 del 01 febbraio 2013 la Seconda Sezione civile della Corte di Cassazione ha stabilito che l’avvocato che subentra ad un collega e si limita a notificare ed iscrivere a ruolo un ricorso non può richiedere al cliente gli onorari per “studio della controversia” e “ricerca di documenti”. Nel caso di specie, […]

Continua la lettura di... L’onorario dello “studio della controversia” è escluso in caso di mera presentazione del ricorso.

Con la sentenza n. 2368 del 31 gennaio 2013 la Corte di Cassazione, sezione V, torna a pronunciarsi sulla legittimità dell’accertamento basato sugli studi di settore, ribadendo che, in caso di loro applicazione, spetta all’Agenzia delle Entrate dimostrare che il tipo di attività svolto dal contribuente rientra in uno studio di settore diverso da quello […]

Continua la lettura di... Nell’applicare i parametri degli studi di settore il Fisco ha l’onere di provare l’attività effettivamente svolta dal contribuente

Con la sentenza n.1284 del 18 gennaio 2013 la Seconda Sezione civile della Corte di Cassazione ha stabilito  che la nota spese inviata dall’avvocato non è vincolante  per il professionista che ne può spedire una di importo superiore se il cliente  non l’ha accettata. Nel caso di specie l’avvocato, dopo aver seguito una causa ereditaria, […]

Continua la lettura di... La prima parcella presentata dall’avvocato può essere sostituita da una seconda nel caso in cui questa non sia stata accettata dalla cliente.