Modelli 231

Con la recente sentenza n. 25980 del 07 giugno 2018, la Corte di Cassazione ha ribadito alcuni importanti principi in tema di responsabilità amministrativa degli enti. In particolare, la Suprema Corte ha precisato che il profitto del reato oggetto della confisca di cui all’art. 19 del D.Lgs. n. 231 del 2001 si identifica con il […]

Continua la lettura di... L’individuazione del profitto del reato oggetto di confisca in relazione alla responsabilità da 231

Argomento ancora per certi versi irrisolto è quello relativo al profitto del reato soprattutto se a conseguire un potenziale vantaggio oggettivamente determinabile sia stata una società a cui sia stata contestata la commissione di un reato rilevante sotto il profilo del D.lgs. 231/2001. Con la sentenza n. 51655 del 13 novembre 2017 la Cassazione affronta nuovamente la […]

Continua la lettura di... Appalti truccati: il sequestro dell’intero profitto di reato conseguito dalla società partecipante

Avv. Luigi Ferrajoli 9 Novembre 2017

La recente riforma della normativa antiriciclaggio non ha risolto la vexata quaestio dell’applicabilità – nel caso di contestazione di uno degli illeciti amministrativi previsti dall’odierno testo degli articoli 56 e ss. del D.lgs. 231/07 – alle persone giuridiche, destinatarie degli obblighi antiriciclaggio, di un duplice profilo di responsabilità: da “organizzazione”, a norma del D.lgs. 231/01, […]

Continua la lettura di... Le appendici antiriciclaggio dei modelli organizzativi d’impresa

Avv. Luigi Ferrajoli 21 Settembre 2017

La riforma realizzata con il D.Lgs. 38/2017 ha segnato una tappa importante tra le molteplici iniziative intraprese sia dal legislatore nazionale che da quello comunitario volte alla repressione degli episodi corruttivi. Rispetto alla precedente versione, il nuovo art. 2635 c.c. sanziona non solo “gli amministratori, i direttori generali, i dirigenti preposti alla redazione dei documenti […]

Continua la lettura di... La nuova figura dell’intermediario nella corruzione tra privati

Continuiamo l’analisi del reato di corruzione tra privati e rivolgiamo ora l’attenzione sul novero dei soggetti previsti dalla nuova norma che possono concretamente perfezionare il delitto soffermandoci, in particolare, sulla tipologia di funzioni che gli stessi svolgono in ragione di un determinato rapporto che li lega all’ente, in modo da individuare le ipotesi in cui […]

Continua la lettura di... Il coinvolgimento dei manager: la responsabilità di chi svolge funzioni direttive

Avv. Luigi Ferrajoli 20 Luglio 2017

L’etichettatura di un prodotto alimentare è fattore di fondamentale valore per l’informazione del consumatore, rappresentando, al contempo, una importante opportunità per la rimozione di ostacoli e opacità rispetto alla libera circolazione delle merci. Il descritto fattore evidenzia la risalente ambiguità fra le finalità dello strumento giuridico in rassegna: da un lato, difatti, esso è volto […]

Continua la lettura di... Prodotti DOP e IGP: chi tutela i tutori. Il modello 231?

Avv. Luigi Ferrajoli 12 Luglio 2017

La forza repressiva del reato di corruzione tra privati nella sua nuova formulazione si percepisce anche dalla chiara inclusione nell’ambito di applicazione della norma, non solo delle società commerciali – come d’altronde già previsto inizialmente – ma anche di altri enti privati. La riforma del D.Lgs. 38/2017 prosegue sulla scia di quanto enunciato dall’art. 1 […]

Continua la lettura di... Enti non profit: il rischio corruttivo tra privati e i presidi 231

Avv. Marta Grimoldi Bruni 22 Marzo 2017

La responsabilità amministrativa degli enti rappresenta una tematica sempre più attuale alla luce del progressivo ampliamento dell’elenco dei c.d. reati presupposto contenuto nel D.Lgs. 231/2001. Con l’implementazione da parte del legislatore del numero e delle tipologie dei reati che fanno sorgere la responsabilità amministrativa da 231 si è assistito, infatti, ad un moltiplicarsi dei relativi […]

Continua la lettura di... Patteggiamento e applicazione delle sanzioni ex D.Lgs. 231/2001

Avv. Luigi Ferrajoli 7 Novembre 2016

Lo Studio Ferrajoli fornisce assistenza alle imprese che intendano implementare un idoneo sistema di gestione dei rischi aziendali con l’adozione di Modelli Organizzativi ex D.Lgs. 231/2001 atti ad evitare le sanzioni pecuniarie sul capitale e quelle interdittive dell’esercizio dell’attività. Il periodo corrente ha visto l’introduzione di numerose nuove disposizioni che riguardano l’attuazione del sistema finalizzato a […]

Continua la lettura di... La predisposizione dei Modelli Organizzativi 231